Gegard “the armenian assassin” Mousasi

il

Oggi parliamo dell’avversario di Chris Weidman nel co-main event di questo sabato a UFC 210: Cormier vs Johnson 2: l’armeno naturalizzato olandese, Gegard Mousasi.

Attualmente combatte nei pesi medi dell’Ultimate Fighting Championship, ma ha un background molto variegato.

Il trentunenne sviluppa un interesse verso le arti marziali dopo aver concluso la scuola.

Anche il fratello maggiore ha praticato MMA e ora fa l’allenatore in Olanda.

Cresciuto in Iran e trasferitosi in Olanda, Gegard all’età di otto anni inizia a praticare judo; mentre a 15 anni si cimenta nella boxe: nel giro di un solo anno diventa campione amatoriale di boxe dell’Olanda con un record di 12-1 (9 KO).

Tra il 2008 e il 2010 partecipa a due eventi di Dynamite!! con le regole di K1, portandosi a casa un record da imbattuto di 8-0 (di cui 3 per KO).

La sua carriera nelle arti marziali miste inizia nel 2003 con un bel TKO al primo round. Con un record di 13-1-1 debutta nella Pride FC nel 2006 prendendo parte al Pride’s Welterweight Gran Prix: vince il primo match per TKO contro il giapponese Makoto Takimoto. Nei quarti di finale però perderà per sottomissione (armbar).

Nel 2008 partecipa al Middleweight Gran Prix organizzato dalla promozione giapponese Dream: batte Danis Kant (triangle choke), Dong Sik Yoon (decisione unanime) e Melvin Manhoef (triangle choke) per arrivare a scontrarsi in finale con Ronaldo Souza. 20170403_195421L’incontro tra i due termina al primo round per KO ai danni del brasiliano e Gegard vince il titolo inaugurale Dream dei pesi medi.

Successivamente vincerà anche il titolo Strikeforce dei mediomassimi battendo Renato Sobral per KO (pugni) a un minuto dall’inizio del primo round. 20170404_105517

Prima di questo match aveva guadagnato un’altra vittoria importante contro un atleta molto tosto: Mark Hunt, che perse per sottomissione (armbar) al primo round. 1491249892809

La sua scia di 15 vittorie consecutive viene interrotta nel 2010 a Strikeforce: Nashville: al termine delle cinque riprese vince Muhammed Lawal per decisione unanime, strappandogli così il titolo Strikeforce dei mediomassimi.

Sempre nello stesso anno partecipa al Light Heavyweight Gran Prix: arriva in finale e vince per sottomissione (rear-naked choke) contro il giapponese Tatsuya Mizuno, guadagnandosi così il titolo Dream dei mediomassimi, gegard-muzino-4-beltche difenderà nel 2011 con successo: l’incontro infatti termina al primo round per TKO (pugni) ai danni di Hiroshi Izumi.

Disputerà altri due match per la Strikeforce, fino al 2013, vincendoli entrambi: uno contro Ovince Saint Preux per decisione unanime, e l’altro contro Mike Kyle per sottomissione (rear-naked choke).

Proprio nel 2013 debutta nell’Ultimate Fighting Championship contro Ilir Latifi (che rimpiazzò Alexander Gustafsson): Mousasi vince per decisione unanime, dominando il match in piedi; oltretutto combatté con un ginocchio infortunato, infatti a seguito dell’incontro subì un intervento chirurgico.

Per il suo secondo match nella promozione, scende di categoria nei mediomassimi per scontrarsi con l’ex campione della divisione Lyoto Machida nel 2014, nel main event di UFC Fight Night 36:1491293622178 il brasiliano avrà la meglio vincendo per decisione unanime (riconoscimento di Performance of the Night).

Affrontò nuovamente Ronaldo Souza a UFC Fight Night 50, questa volta però Mousasi non riesce a capitolare e il brasiliano ha la meglio vincendo per sottomissione (guillotine choke) alla terza ripresa.

Un’altra sconfitta arriva nel 2015 a UFC Fight Night: Barnett vs Nelson: l’olandese infatti perderà per TKO con un flying knee seguito da pugni da parte di Uriah Hall, al secondo round.

Negli ultimi quattro incontri disputati, comunque, ha sempre vinto: l’ultimo è stato proprio il rematch contro Uriah Hall, nel quale ha vinto per TKO (pugni).

Con un record di 41-6-2, Mousasi si appresta ad affrontare questo sabato, a UFC 210, Chris Weidman (13-2) che arriva da due sconfitte contro Luke Rockhold e Yoel Romero. 20170404_101436Proprio in occasione di questo evento è uscito  un documentario su di lui:

Mousasi: Pound for Pound.

nel video vedrete anche l’intervento del suo “nuovo ” compagno di allenamento ovvero il nostro Alessio “manzo” Di Chirico,recentemente trasferitosi nel suo team per prepararsi alla prossima battaglia nell’ottagono più importante del mondo!!

Restate sintonizzati e vedremo come andrà a finire.

Un abbraccio dalla vostra Xena.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...