UFC 211. BIGGER IS BETTER

Ciao a tutti dal vostro Phoenix. Ci attende questo fine settimana la miglior card UFC dell’anno. Due titoli mondiali, due eliminatorie per primi contendenti, e il ritorno di un ex campione. 5 incontri che potrebbero tranquillamente essere main event in molte card.

Eddie Alvarez vs Dustin the diamond Poirier

L’ex campione mondiale dei pesi leggeri, Eddie Alvarez, aveva messo insieme una impressionante striscia di vittorie contro el nino Melendez, Shotime Pettis e Rafael Dos Anjos, conquistando il titolo. Nella prima difesa, si è trovato senza soluzioni contro lo striking e la personalità di Conor Mc Gregor, perdendo il titolo per ko alle seconda ripresa, senza aver mai dato l’impressione di poter mettere in difficoltà l’irlandese. Quale Alvarez rivedremo nell’ottagono? Il campione o la spaesata vittima sacrificale? Questa è la domanda principale. Ci sono fighter che non recuperano da una grossa batosta, soprattutto a livello mentale. Anche Poirier è stato battuto da Mc Gregor, nei pesi piuma nel 2014. Dopo quella sconfitta è passato nei pesi leggeri e ha costruito una bella striscia di 4 vittorie, interrottasi con la sconfitta per KO subita per mano di Micheal Johnson. E’ rientrato a febbraio battendo Jim Miller con decisione a maggioranza. Il match si annuncia interessante . Pronostico: Alvarez per KO

David Branch vs Krzystof Jotko

Proseguiamo con un interessante incontro nei pesi medi. Il 27enne polacco è da 4 anni in UFC, e ha inanellato un record di 6 vittorie e una sola sconfitta per mano di Cendenblad. Non ha battuto avversari di grande nome, ma considerando l’età e il numero di combattimenti UFC si può legittimamente considerare un prospect importante per la categoria, tanto che lo troviamo al numero 10 nelle classifiche. Avrà il compito di dare il benvenuto in UFC a David Branch, 35enne veterano di Brooklin, campione WSOF e imbattuto dal maggio 2012, quando cedette ai punti ad Anthony Rumble Johnson. Vanta vittorie contro il veterano UFC Yushin Okami e il fenomeno del BJJ, Vinny Magalhaes. Insomma, un curriculum di tutto rispetto per un atleta che forse arriva un pò tardi in UFC, ma che sicuramente può dire la sua in una categoria affollata di talenti. Stilisticamente il polacco dovrebbe cercare di tenere in piedi il match e far valere il suo striking, altrimenti rischia di essere sottomesso dal veterano. Pronostico: Branch per sottomissione.

Frankie the answer Edgar vs Yair pantera Rodriguez. 

Yair Rodriguez è un prospect estremamente interessante, molto completo e con un modo di combattere che piace agli appassionati e al board dell’UFC. Sicuramente, se dovesse prevalere sabato, per lui si potrebbe parlare di una title shot nei piuma. Il 24enne messicano ha un record di 6-0 in UFC, e sembra lanciatissimo. Sembra. Attenzione. I suoi ultimi due incontri sono stati dei match up fatti apposta per creare hype e venderlo al pubblico messicano e latino in genere, che adora questo ragazzo. Prima Alex Caceres, il pittoresco Bruce Leeroy, che non ha mai realmente convinto, fin dai tempi della sua partecipazione al reality the ultimate fighter, e poi il riesumato BJ Penn. The prodigy non vinceva un incontro dal lontano novembre 2010, quando è stato sacrificato sull’altare dell’hype di Pantera. Ora , però, si fa sul serio. Per quanto veterano, Edgar non è un ex. E’ ancora fra i migliori 4 o 5 pesi piuma al mondo, negli ultimi 4 match ha battuto Faber, Stephens , Mendes, e ha perso ai punti a UFC 200 con Jose Aldo. Quindi vedremo sicuramente il giovane Pantera portato in acque profonde dal veterano. E li si parrà la sua nobilitate. Vedremo se è in grado di superare un grande atleta come Edgar o se ha dato il meglio di se facendo lo sbruffone contro il fantasma di BJ Penn. Pronostico: Edgar per TKO.

Demian Maia vs George gamebred Masvidal

A 39 anni, Maia si trova nella stessa situazione di Jacare Souza. In possesso di un BJJ stellare, e meritevole sul campo di una title shot, la UFC continua a mettergli davanti avversari scomodi pur di non fargli fare il titolo, schiavi della logica per cui il titolo non lo fa l’atleta migliore, ma quello che vende più PPV. Con Jacare il giochino è riuscito, è arrivato il giorno in cui ha sbagliato un match, e le sue chance titolate sono andate a farsi benedire. Speriamo non accada lo stesso anche con Maia, che in caso di vittoria dovrebbe raggiungere la meta tanto sospirata, ma in caso di sconfitta, a 39 anni, potrebbe anche decidere di dedicarsi all’insegnamento. Il suo avversario è un uomo estremamente pericoloso. Molto difficile da portare a terra, e forte con i colpi.  Nelle ultime 3 uscite ha battuto Pearson, Ellerberger e letteralmente distrutto Cowboy Cerrone. Maia dovrà riuscire a ripetere ua prestazione del livello di quella sfoderata contro Condit per venire a capo del durissimo Masvidal, che non perde prima del limite dal 2009. Pronostico: Maia per sottomissione

Co Main Event: Campionato del mondo femminile pesi mini mosca 

Joanna Jedrzejczyk vs Jessica Andrade. 

La campionessa del mondo, l’imbattuta 29enne Joanna Jedrzejczyk, è chiamata a difendere il titolo dall’assalto della pericolosa brasiliana che ha messo insieme tre vittorie consecutive contro pericolose contenders da quando è scesa nei mini mosca. Abbiamo un classico scontro striker vs grappler qui, con la straordinaria Muai Thai della polacca opposta al BJJ della brasiliana. Finora Joanna non ha datov l’impressione di poter cedere il titolo a chicchessia, anzi è sembrata in crescita ad ogni uscita, ma la Andrade è la più pericolosa artista delle sottomissioni che abbia incontrato finora, quindi il match presenta dei rischi notevoli. Pronostico: Jedrzejczyk per TKo

Main Event: Campionato del mondo dei pesi massimi 

Stipe Miocic vs Junior Cigano Dos Santos

Fuochi d’artificio garantiti in questo match dove si affrontano i due migliori pugili della divisione pesi massimi UFC. Classico “don’t blink”, incontro che può finire in ogni istante vista la terrificante potenza che questi atleti hanno in entrambe le mani. Stipe Miocic è diventato campione battendo Fabricio Werdum, e ha difeso il titolo contro Overeem. Cigano, dopo aver perso la trilogia e il titolo con Velasquez, è rientrato battendo proprio Miocic in un match memorabile, che vide entrambi dare il meglio per 5 riprese intensissime per la categoria dei massimi. E’ stato poi battuto da Overeem ed ha poi vinto contro Big Ben Rothwell. Rispetto a 3 anni fa, Miocic ha il titolo, una maggiore esperienza e ha appena battuto l’uomo che ha battuto Dos Santos, ovvero Alistair Overeem, questo sicuramente gli garantisce il favore dei bookmaker e una dose extra di fiducia. Ricordiamo però alcuni aspetti tecnici emersi nei primi 25 minuti in cui questi uomini si sono affrontati. Junior è il pugile migliore. Ha un miglior uso del jab e una maggiore varietà di colpi, tanto che Miocic ha dovuto spesso rifugiarsi in clionch o tentativi di takedown perchè tendeva a subire negli scambi in piedi. Miocic non è in grado di portare a terra Dos Santos. Vediamo un pò di numeri:miocic junior.png

Le cose migliori il croato le ha fatte vedere quando ha portato Cigano a parete in clinch. Li Miocic aveva più soluzioni e nel complesso era più efficace. Quindi sarà il clinch la fase in cui dovrà provare a tenere il match e infliggere danno all’avversario, che si avvantaggerà comunque negli scambi in piedi e se ripeterà il footwork intelligente mostrato con Rothwell potrà controllare il match. Ripetiamo, sono due massimi con mani pesantissime, quindi in ogni momento può esserci il ko, sarà un grande match. Pronostico: Junior Dos Santos per Tko.

A domani con quote e pronostici!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...