Germano Chianese: “C’è chi davvero vuole fare le cose in grande con i grandi”

Vi presentiamo oggi un altro atleta che sarà impegnato a Rudis il 25 giugno: Germano Chianese, fighter che nasce judoka e che da poco si è affacciato nel mondo delle MMA pro. Non avversari facili per lui, quasi più per scelta che per caso; per il suo secondo incontro se la vedrà in gabbia con Marco Giustarini, atleta sicuramente assetato di vittorie dopo aver perso ai punti a Magnum FC 1 contro Bertoli. Buona lettura!

MMA ARENA: Quando hai cominciato a praticare sport da combattimento e con quale disciplina ti sei avvicinato alle MMA?

Chianese:  “Ho iniziato a praticare judo alla tenera età di 3 anni, in una delle palestre più forti d’Italia, la star judo club di Giovanni Maddaloni, padre del campione olimpico Pino, che ancora oggi si conferma tra le più forti. Nel mio percorso judoistico ho avuto le mie soddisfazioni salendo più volte sul podio italiano e su podi internazionali, a 19 anni smisi di allenarmi a causa di un brutto infortunio, e nel periodo di guarigione che durò un anno e mezzo il judo cambiò, cambiarono le regole e non era più il judo che amavo fare quindi decisi di iniziare un nuovo percorso con la Kick boxing con il maestro Venanzio Pagliariccio, per poi passare nelle MMA.”

MMA ARENA: Hai fatto il tuo debutto nelle MMA a Danger contro Romeo, un avversario con il tuo stesso background ma molta più esperienza di te. Ci vuoi dire qualcosa a riguardo?

Chianese: Si ho debuttato da pro al Danger contro Romeo, avversario molto forte con grande esperienza, decisi di farmi avanti ed accettare il match contro di lui perché lo reputo un valido, non volevo iniziare debuttando come fanno molto atleti che scelgono quello facile da battere.

MMA ARENA: Il 25 combatterai contro Marco Giustarini che, per quanto non abbia un record positivo, ha dimostrato nel suo ultimo match contro Bertoli molta aggressività e sete di vittoria, cosa pensi del tuo avversario, oserei dire che anche in questo caso non hai accettato un match facile.

Chianese: “No anzi anche questo è un match tosto, Giustarini è un atleta con molta aggressività, cosa che ha dimostrato in tutti i suoi match, penso che sarà un bel match!”

MMA ARENA: Immagino ti starai preparando a 360 gradi, o hai studiato insieme al tuo team un particolare strategia?

Chianese: “Si, mi alleno a 360 gradi ma comunque si predilige una strategia, e vero che in qualsiasi match ogni movimento attacco o difesa quel che sia e dato da come si mette il match, non puoi sapere come reagirà l’avversario, ma comunque un atleta cerca di capire i punti dove può essere più incisivo e cercare di lavorare li, tutti quelli che dicono che non usano strategie o mentono o sono stupidi, ogni cosa va studiata e applicata, questo è uno sport dove non si possono commettere errori, almeno io e i miei coach Luca Franzese e Venanzio Pagliariccio la pensiamo così non lasciamo nulla al caso.”

MMA ARENA: Hai un atleta che ti ha guidato come fonte di ispirazione in tutti questi anni di combattimenti?

Chianese: “Nelle MMA sono approdato da poco ma indubbiamente ho una spiccata preferenza per Hector Lombard un grande judoka e un grande atleta delle MMA, un fenomeno, e se combattesse per il titolo UFC, lo vincerebbe sicuramente, nel judo invece i miei preferiti sono due atleti, uno è mio fratello Antonio, un fenomeno, ha più di 22 medaglie ai campionati italiani, tra queste 9 sono oro, è salito su molti podi internazionali e ha partecipato a gare per le qualificazioni olimpioniche di Londra, beh un fenomeno per me! L’altro atleta è il figlio del mio maestro, Marco Maddaloni atleta formidabile con una classe assurda, salito sul tetto d’Europa under 23 ben 2 volte, uno tra gli atleti più giovani a vincere per la prima volta a soli 17 anni i campionati italiani assoluti, con numerose medaglie a tornei di serie A e grande slam, grandissimo atleta e amico.”

MMA ARENA: Avere un buon team alle spalle è determinante per la carriera di un atleta?

Chianese: “Si indubbiamente. Penso che avere un trascorso sportivo agonistico a livelli alti ti permetta di avere già una parte forte nelle MMA, anche se penso che qualsiasi sport da combattimento nelle MMA è fondamentale. Tutti solo perché vengono dal bjj o dalla kick o dal judo o dalla boxe pensano di essere i più forti ma non è cosi.”

MMA ARENA: Le MMA sono meravigliose

Chianese: “Si è spero che in Italia aumenti sempre di più la passione per questo sport.”

MMA ARENA: Lo speriamo anche noi. Rudis è una promozione che nasce un po’ per questo motivo, con la possibilità anche di accedere a Centurion FC, che ne pensi?

Chianese: “E una bellissima promozione e il fatto che c’è collaborazione con il Centurion FC sta a significare che c’è chi davvero vuole fare le cose in grande con i grandi, e portare questo sport in Italia a livelli alti con passione e professione.”

MMA ARENA: Hai obiettivi particolari nelle MMA o quello che ti interessa è puramente combattere?

Chianese: “Penso che come qualsiasi atleta che ha combattuto a livelli alti nel proprio sport e poi approda nelle MMA voglia puntare in alto, io amo combattere e combattendo, come si fa in ogni cosa, voglio arrivare al mio obbiettivo: approdare nei più grandi eventi al mondo. Ci vorrà tempo forse, ma con sacrifici passione, determinazione, vittorie e sconfitte ci si arriva, se davvero si combatte per arrivarci.”

MMA ARENA: Vuoi aggiungere altro?

Chianese: “Mi auguro un in bocca a lupo da solo e ringrazio voi per questa intervista e il Rudis per avermi permesso di partecipare a questo evento di alto livello”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...