Kelvin Gastelum: “Il segreto del mio successo? mia madre”

Amici di MMA ARENA anche questa settimana torniamo a parlare delle persone che si nascono dietro ai personaggi che vediamo sempre combattere e dare loro stessi nella gabbia con passione e dedizione: protagonista di oggi è il venticinquenne americano Kelvin Gastelum, volto noto in UFC che ha lavorato duramente per arrivare dove è ora e che farà il suo ritorno nell’ottagono contro Weidman domani.

È stato campione locale di wrestling alle medie e all’università per un anno prima di decidere di passare al professionismo. Per mantenersi ha lavorato come cacciatore di taglie (.. sì avete letto bene) per un breve periodo, poi ha deciso di lasciare per dedicarsi a tempo pieno agli allenamenti.

La sua scalata verso il successo inizia presto: infatti alla fine del 2010 fa il suo esordio nel mondo delle mma pro, vincendo per sottomissione al secondo round.

Dopo il suo debutto, ha accumulato un record di 5 vittorie e nessuna sconfitta: a parte un match terminato per TKO a metà del terzo round, in tutti gli altri incontri non è andato oltre la seconda ripresa. Addirittura contro Bill Smallwood non ha superato il primo minuto del primo round che ha finalizzato una rear-naked choke costringendo l’avversario a battere.

Nel 2013 fu annunciata la sua partecipazione a The Ultimate Fighter: Team Jones vs Team Sonnen:ufc-tuf17-jones-sonnen.jpg per entrare nella casa TUF ha battuto per decisione unanime Kito Andrews e durante la creazione dei due team rivali fu scelto per ultimo da Chael Sonnen per la sua squadra.

L’incontro successivo fu contro Bubba McDaniel: proprio poco prima del match, Sonnen ricevette una chiamata dalla campionessa Ronda Rousey che augurava buona fortuna a Gastelum e che ha detto che nel caso di vittoria di Kelvin, lei sarebbe andata nella palestra TUF per tenere una lezione.. Gastelum ha vinto per sottomissione (rear-naked choke) al secondo round.

Nei quarti di finale vince mandando KO Collin Hart al primo round. In semifinale ha affrontato Josh Samman, il favorito del Team Jones: vince ancora una volta per sottomissione (rear-naked choke) al primo round, guadagnandosi così un posto nella finale.

Col suo successo da imbattuto nello show, a The Ultimate Fighter 17 Finale si deve scontrare con il jamaicano Uriah Hall:7266020.jpg nonostante fosse visto come lo sfavorito, Gastelum vince il match per split decision. E nella sua apparizione a The MMA Hour confessò l’intenzione di passare ai pesi welter, citando lo svantaggio di forza che ha sentito contro Hall.

Ed ecco che finalmente debutta anche lui nell’Ultimate Fighting Championship, nei pesi welter: il suo primo avversario sarebbe dovuto essere Paulo Thiago a UFC Fight Night 27, ma a causa di un infortunio al ginocchio fu rimpiazzato da Brian Melancon.nintchdbpict000243191708.jpg Kelvin conclude il match a metà della prima ripresa con una rear-naked choke che fa battere l’avversario Brian, che si ritirerà qualche mese dopo a causa di problemi renali dovuti al taglio del peso.

Seguono altre tre vittorie dopo questa, ma la sua scia positiva (10-0) viene interrotta a UFC 183 quando si trova ad affrontare il futuro campione UFC dei pesi welter “the chosen one” Tyron Woodley in un catchweight a 180 libbre:54d38ac3421d3.image.jpg Gastelum manca il peso e viene decurtato del 30% della sua borsa, un 30% che passerà a Woodley.tyron1.jpg Alla fine Gastelum perde il match per split decision (28-29, 29-28, 30-27) e nell’intervista post-fight con Joe Rogan, Woodley dichiara di non voler accettare il 30% della borsa del suo avversario perché già mancare il peso e perdere il match era abbastanza come punizione.

Visto che in due diverse occasioni Gastelum non è stato capace di raggiungere il peso nei welter, il presidente UFC Dana White gli ordinò di tornare nella divisione dei pesi medi. E così è stato: peso raggiunto. A UFC 188 affronta Nate Marquardt e vince per TKO dopo che l’angolo di Marquardt ha fermato l’incontro tra il secondo e il terzo roundGastelum2recap.jpg perché Nate seduto sullo sgabello disse al suo coach Trevor Wittman che non aveva più niente da dare.

Un’altra sconfitta arriva a The Ultimate Fighter Latin America 2 Finale quando deve vedersela con Neil Magny in un match nella categoria dei pesi welter. Gastelum perde per split decision (47-48, 48-47, 48-47) dopo cinque round molto combattuti che fanno ottenere a entrambi il bonus di Fight of the Night.

Dopo un catchweight match vinto per decisione unanime contro Johny Hendricks (che ha mancato il peso), ritorna nei pesi medi dopo aver mancato il peso per la terza volta contro Donald Cerrone (match poi cancellato perché Gastelum era ben oltre 170 libbre): Dana White a questo punto dichiarò che non lo avrebbe fatto combattere mai più in quella categoria di peso.

Torna dunque nei pesi medi contro Tim Kennedy:gettyimages-629014784.jpg Kelvin vince a metà del terzo round per TKO (pugni).600.jpg

A marzo ha disputato il match più importante della sua carriera finora, quello contro il brasiliano Vitor Belfort.gettyimages-652330328_pmsJzg6 Nel main event di UFC Fight Night 106, Gastelum vince per TKO (pugni) al primo round, guadagnandosi anche il bonus di Performance of the Night.20170311102401_GettyImages652329208.jpg

Un mese dopo è stato trovato positivo alla marijuana: per questo motivo è stato sospeso (UFC ha dato la notizia tramite il proprio sito ufficiale) e rimosso dalla card di UFC 212, dove avrebbe affrontato Anderson Silva.. un incontro che avrebbe sicuramente messo in risalto la sua carriera in caso di vittoria. Altra conseguenza del test positivo (oltre alla sospensione di 90 giorni) è stata il cambio del risultato del match contro Belfort: infatti l’esito fu tramutato in un no contest.

Tornerà domani nella gabbia contro l’ex campione dei pesi medi Chris Weidman.ufc-on-fox-25-poster.jpg Anche questa sarà una bella occasione per Gastelum… se non combina altri guai.

Ora al di là delle statistiche, dei guai e delle conseguenti occasioni sprecate, delle prestazioni atletiche.. il successo è dovuto anche al sostegno delle persone che circondano questi fighters, dalla famiglia agli amici, quelle persone che credono in te prima ancora che tu lo faccia, che ti supportano nelle scelte e nei sacrifici (non pochi) che molto spesso questo sport comporta.

E il segreto del successo di Kelvin? La sua mamma messicana! Patricia infatti faceva tanti lavori per sostenere la famiglia e ha trasmesso questa etica per il lavoro anche al figlio.

“Mia mamma era una madre single, che faceva da tre a quattro lavori. Ha fatto un sacco di lavori strani e sporchi all’inizio, poi è entrata nel business della ristorazione. Ha iniziato a gestire ristoranti ed è stata pure chef per un lungo periodo. Si è fatta da sola.”

Gastelum sente che deve tutto a sua madre, di certo la donna più importante nella vita di chiunque, che lo ha sempre sostenuto nel suo percorso. E probabilmente sarà questo il pensiero che lo accompagnerà ancora una volta nella gabbia domani.

Un abbraccio dalla vostra Xena.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...