UFC, quando la strada è sbagliata

Sabato notte abbiamo assistito a UFC 214, evento culminato con il ko inflitto da Jon Jones a DC davanti a un’arena gremita di gente entusiasta e con un mare di telespettatori che hanno pagato per vedere l’evento in PPV in USA. Di sicuro è stato un successo e un bel gruzzolo di dollari è entrato nelle casse della promotion e degli atleti partecipanti.

Tutto ok quindi? La WME-IMG sta iniziando a rientrare dei 4 miliardi di dollari spesi per comprare l’azienda dalle mani dei fratelli Fertitta? Gli atleti sono contenti? Il divario con le altre promotion conferma il trend in aumento che c’era fino allo scorso anno? Non ne siamo sicuri, anzi alcune scelte aziendali ci convincono poco e di certo non ci piacciono.

ufc-214-696x696

Il nodo sta tutto nel fatto che le promotion sono aziende private e hanno bisogno di un ritorno economico che le faccia rientrare delle spese e permetta di pagare le borse agli atleti, per far questo serve che i vari match vengano pubblicizzati e “spinti” il più possibile in modo da attirare le masse.  Nulla di strano, anzi è normale.

Tutto ciò dovrebbe essere fatto però ricordandosi che stiamo parlando di uno sport e che quindi certe dinamiche di merito vanno rispettate il più possibile altrimenti si sfocia troppo nell’entertainment. Esiste un ranking che avrà i suoi difetti ma consente a tutti di farsi un’idea di quelli che dovrebbero essere i match futuribili,  quando questo viene sistematicamente ignorato iniziano i problemi.

All’epoca dei Fertitta si è riusciti a mantenere un certo equilibrio,  abbiamo visto qualche money match ma in generale i valori sportivi sono stati rispettati, da quando è al timone la WMW-IMG dobbiamo registrare una brusca virata verso l’intrattenimento, troppo brusca, e gli effetti non stanno tardando ad arrivare.

Esempi ne abbiamo a non finire purtroppo: dal permettere a McGregor di tenere bloccata prima la divisone dei pesi piuma e ora quella dei leggeri, a proteggere Bisping che ha conquistato la cintura a UFC 199 e da allora l’ha difesa solo una volta e contro chi voleva lui (Henderson). Dal biasimare Demetrious Johnson che legittimamente vuole difendere la cintura senza tentare avventure in altre categorie, a osteggiare in maniera più o meno plateale alcuni fighters che, a detta della promotion, non sono abbastanza abili nel generare audience. L’immagine di qualche mese fa di un Demian Maia in ginocchio che chiede a Dana White la titleshot che gli spetterebbe di diritto è significativa, ad esempio.

Ormai i meriti sportivi contano poco o nulla, serve solo che si riesca a produrre soldi. Si va verso i money fight quindi,  chi non di adegua si accomoda all’uscita o viene dirottato in card di secondaria importanza.

postercopy_crop_650x440.jpg

Quali sono gli effetti di questa tendenza? Semplice, nei big events si fa il botto, vengono attirati tantissimi appassionati casuali e i numeri sono eccellenti. Di contro negli eventi secondari, quelli che campano grazie agli appassionati hardcore, quelli veri, la situazione sta precipitando rapidamente. L’ultimo UFC on Fox, quello che aveva come main Weidman vs Gastelum è stato il meno visto di sempre e anche i vari UFC Fight Night non è che se la passino meglio.

Perchè? Semplice, il legame tra il tifoso e l’atleta viene compromesso in maniera sistematica. Un fan hardcore guarda tutti gli eventi e tutti i match, fin dai preliminari, se può va in cerca anche di eventi delle promotion minori. Un fan va ai palazzetti e compra il biglietto!! Ovviamente gli piacciono le MMA, ma soprattutto gli interessa conoscere i vari prospetti, seguirli nel loro percorso che si svolgerà negli anni. Capire dove possono arrivare e chi possono incontrare, apprezzare la crescita tecnica, appassionarsi alle dinamiche e agli incroci futuri. È come leggere un libro o vedere un film, c’è tutta una trama da scoprire, su ogni fighter. È così che si forma una fanbase, che poi seguirà fedelmente gli atleti nel corso degli anni. Con i money match questo processo viene ignorato, si pensa solo a far soldi ma non si costruisce nulla. La base viene ignorata. Non si lavora per lo sviluppo delle MMA, si pensa solo a gonfiare i portafogli.

Anche queste mastodontiche card numerate ci convincono poco,  prendiamo ad esempio proprio UFC 214: i tre match titolati non bastavano?  Magari un Lawler-Cerrone si poteva dirottare a main in altro evento essendo un signor match, perchè seppellirlo in mezzo alla card e di fatto, sminuirlo?  Ma anche un Sterling-Barao, o il match di Ortega potevano brillare di luce propria, invece si sono dovuti accontentare delle briciole.

oie_J5ynIgv3eJk3-696x392.jpg

Gli atleti che dicono? Semplice, come tutti l’idea di potersi arricchire li alletta, quindi coloro che possono provano a cavalcare l’onda dei money fight, come ad esempio Jones che l’altra sera si è guardato bene dal cercare Gustafsson, che sarebbe il rivale più accreditato per la prossima sfida titolata, ma ha sfidato un Brock Lesnar, per un match di sicuro appeal ma con zero valenze tecniche e meritocratiche.

Coloro che perdono il treno hanno due scelte: o continuano a combattere aspettando la loro occasione o se ne vanno sbattendo la porta: alcuni fighter eccellenti sono passati a Bellator ultimamente, ultimo caso quello di Mousasi, ma parecchi altri nomi importanti sarebbero scontenti della situazione attuale, chissà che succederà in futuro. Certo, la forbice tra UFC e le altre promotions è ancora ampia, ma comunque minore di quella di un anno fa e alla WME-IMG dovrebbero iniziare a pensarci.

mayweather-mcgregor-poster.jpg

I prossimi mesi saranno cruciali, UFC ha in programma alcune card imponenti ma anche alcune trasferte delicate che dovrebbero dare una chiara idea della situazione o almeno del trend, vedremo come saranno i dati d’ascolto a partire dal prossimo Fight Night: Pettis vs Moreno o nella trasferta in Olanda dove troneggia sulla card uno Struve vs Volkov. Senza contare che ad agosto le attenzioni degli appassionati saranno attirate da McGregor-Mayweather,  cioè un discutibile match di pugilato. Alla faccia dell’opera di sviluppo delle MMA nel mondo!!

DP

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...