Conor McGregor: vittima di un personaggio fuori controllo o perfetto calcolatore?

Tutti abbiamo visto l’indecorosa sceneggiata di Conor McGregor all’ultimo Bellator:

In seguito alle inevitabili polemiche, McGregor ha rilasciato la seguente dichiaraizone sul suo profilo Instagram:

I sincerely apologize for my behavior at last weekends fight event in Dublin. While trying to support a loyal teammate and friend, I let my emotions get the best of me and acted out of line. As a multiple weight UFC champion, executive producer, role model and public figure, I must hold myself to a higher standard. The referee Marc Godard was making a horrendous decision in trying to pick an unconscious fighter up off the floor and force the fight to continue into the second round. Even against the wishes of the said fighters coach. The fight was over. After witnessing my fighter in a fight where the worst happened and the opponent passed away from his injuries on the night, I thought the worst was about to happen again, and I lost it and over reacted. I am sorry to everyone. I sincerely apologize to the Director of the Mohegan Tribe Department of Athletic Regulation, Mike Mazzulli, all the officials and staff working the event, Andy Ryan and his fighter John, two stonch ones that put up a great fight every time. That side will always have my respect, and lastly every one of my fans. I love yous all! I’ve always learned from my mistakes and this will be no different.

A post shared by Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) on

In pratica l’irlandese sostiene di aver perso il controllo perchè, a suo parere, Goddard stava mettendo a rischio la salute di un atleta. Diciamo che, vedendo le immagini, possiamo affermare che la dichiarazione di McGregor è credibile come i soldi del monopoli.

A chiarire dettagliatamente quanto avvenuto ci ha pensato Marc Goddard, che ha analizzato in un lungo post tutto il suo operato: https://www.facebook.com/marc.goddard.58/posts/564252400581175

Quindi abbiamo, da un lato, uno dei migliori arbitri del mondo, che analizza punto per punto la situazione e le sue decisioni, regolamento alla mano, e dall’altra un atleta che era lì in veste di tifoso di un suo compagno di team, che ha fatto una serie di cose, dall’entrare in gabbia prima che il match fosse finito, fino a minacciare e spintonare l’arbitro, che sarebbero causa di squalifica in qualunque sport.

La domanda che si fanno gli appassionati è una sola: Why? Perchè? Le azioni di McGregor sono indifendibili, anche agli occhi dei suoi stessi fan.

Ci sono due ipotesi. La prima è che McGregor sia vittima del suo stesso personaggio, ormai troppo spinto oltre le righe, più da pro wrestler che da fighter, insomma. Arrivato in altissimo grazie ad un carisma molto forte, ad un trash talking spinto, travolto dall’adorazione dei fan e dei media, e ricco al di là di quanto potesse immaginare, Conor avrebbe perso il senso del limite. È una ipotesi perfettamente plausibile e sicuramente la maggior parte dei non addetti ai lavori la pensa così.

Noi abbiamo una opinione diversa. Facciamo un passo indietro. Nella sua carriera, Conor non ha mai difeso un titolo. Ha sempre fatto in modo che il titolo vinto lo portasse a successivi e più remunerativi impegni. Lo ha fatto con il primo titolo piuma del cage rage, andandosi a prendere quello dei leggeri. Da lì è arrivato il salto in UFC. Le vittorie, la creazione del “mito”, il trash talk con Aldo, e il titolo piuma. A quel punto, invece di dare la rivincita a Jose Aldo o di difendere contro Frankie Edgar, Conor riuscì a farsi dare un match contro Rafael Dos Anjos, all’epoca campione dei leggeri. RDA si infortunò all’ultimo, e venne sostituito da Nate Diaz, che incasinò un po’ i piani di tutti battendo l’irlandese.

mcgregor-diaz-getty-ftr-030516jpg_1l105d2hoi4kd121my11xeox19

Rivincita immediata, che Conor non aveva mai dato a nessuno ma che a lui fu garantita subito, e verdetto dato a McGregor in un match che a voler essere buoni era un pari.

hqdefault (1).jpg

Arriva il titolo mondiale dei leggeri, che nel frattempo era passato ad Eddie Alvarez. Bellissima prestazione di Conor che mette KO il campione e guadagna la cintura.

13ufcblog53-master675-v2

A quel punto, considerando improbabile un immediato passaggio nei welter, McGregor avrebbe dovuto difendere con Nurmagomedov o Ferguson. Ovviamente, niente di tutto ciò è accaduto. McGregor ha messo su il più grande show nella storia degli sport da combattimento, andando a sfidare Floyd Mayweather nel pugilato. Ha preso la borsa più alta della sua vita, 30 milioni di dollari, senza contare sponsor e PPV. Dieci volte la borsa più alta che avesse mai preso in UFC. Dieci volte. Solo la borsa. Finita questa parentesi pugilistica, ci si attendeva che Conor tornasse in gabbia ad affrontare Tony Ferguson, nel frattempo divenuto campione ad interim dei leggeri.

jpkmFvdi

Fidatevi, non accadrà. Conor non andrà contro Tony per due o tre “miseri” milioni di dollari. Conor farà in modo di farsi squalificare da qualche commissione atletica, per poi andare a mettere in piedi un altro incontro di pugilato, questa volta con Oscar De La Hoya, grandissimo campione fermo da soli dieci anni, per una borsa paragonabile a quella avuta contro Floyd.

boxers-pic

È evidente che il cross fight fra atleti di stili diversi vende di più, e quindi metteranno su un remake. Il miglior De La Hoya avrebbe vinto al 100% contro Conor, ma oggi, dopo 10 anni di inattività, problemi con alcol e droga, qualche scandalo, non crediamo che possa battere l’irlandese che è comunque un atleta all’apice della condizione, forte e per quanto poco ortodosso, molto pericoloso. Stiamo assistendo alla costruzione di un altro grande evento, che farà sicuramente del bene alle tasche di atleti, organizzatori e tv. Non sono sicuro che farà altrettanto bene agli sport da combattimento.  La grandezza dell’evento fra Floyd e Conor era anche nella novità e nell’unicità. Venendo meno questi fattori, diventa un money show fra un lottatore e un ex pugile. Non particolarmente esaltante.

I bookmaker hanno già aperto il gioco sul match , queste le quote del più celebre allibratore di Las Vegas:

bovada.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...