TRE ITALIANI AL MUAY THAI GRAND PRIX (M.T.G.P.)

Luca Roma, Gianpiero Sportelli e Martina Bernile saranno protagonisti all’O2 di Londra, una delle più grandi Arene al mondo.

Sabato 10 Novembre nella prestigiosa cornice dell’OArena di Londra tre italiani affronteranno i top fighters della Muay Thai Mondiale.

vbgg.jpg

Luca Roma (37W 11L 3D) classe 1994 di Sesto San Giovanni (Mi) affronterà Carlton Lieu per il titolo Mondiale (MT.G.P.) per la categoria lightweight.

Roma allenato da Calzolari Diego per il Team Depro è conosciuto al grande pubblico per aver vinto il Titolo mondiale WMO nei 60 Kg e il Titolo europeo  W.P.M.F. nei 63,5 Kg.

Ha partecipato al Thai Fight affrontando la legenda Saenchai in un match vinto dal Thailandese che in seguito si congratulerà sui social  per il valore dimostrato da Luca Roma sul ring.

llkm

Altro italiano in gara Gianpiero Sportelli classe 1987 di Monopoli (Ba) per la palestra A.F.S. allenato da Pasquale Pentasuglia e Michele Valentini.

Sportelli (22W 12L 2D) reduce dal pareggio contro il Thailandese Penthai Sinthponlek in carriera vanta un Titolo mondiale K-1 W.F.F , un titolo europeo I.K.TA. sempre di k-1 e un Titolo italiano di Muay Thai in Kombat League nella categoria 57 Kg.

A lui gli verrà opposto l’astro nascente l’astro nascente Evan Jays e si affronteranno per il Titolo Mondiale M.T.G.P. nella categoria Bantaweight.

martina-bernile.jpg

Ed ora parliamo di Martina Bernile (pro record 51W 9L 3D) dal curriculum importante e ricco di soddisfazioni: Medaglia di Bronzo Fis (Savate) ai campionati mondiali di Parigi, un Titolo W.K.N. europeo, un Titolo intercontinentale W.K.N. e nella F.I.K.B.M.S. vince 9 volte il titolo italiano pro nelle rispettive discipline K-1, muaj thai e kick boxing. Campionessa Elite Low Kick 50 Kg F.I.K.B.M.S. e Wako Pro di K-1.

Martina Bernile classe 1986 di Novara (No) e si allena presso la palestra Rendoki Dojo Fight Clubs (Marzara del Vallo) dall’allenatore Francesco Vaccaro ed affronterà la veterana Grace Spencer.

Auguriamo un grosso in bocca al lupo ai nostri portacolori chiamati in uno degli eventi più importanti al mondo.