ESMA porta l’America in Italia

Negli scorsi giorni è nato un nuovo team nel nord-est d’Italia e fin qua non ce nulla di particolare, siano abituati a vedere ogni giorno team nascere e morire.
La particolarità di ESMA è quella di essere un team su modello americano e l’obbiettivo che si pone è quello di diventare un polo per la MMA italiche nel nord est; un posto dove qualsiasi atleta può trovare coach professionali e all’avanguardia, numerosi sparring partner di livello e una struttura che consenta di affrontare un training camp proprio come avverrebbe negli states.
Questo progetto nasce infatti dalle esperienze di Pietro Penini, che dopo aver affrontato vari training camp in tutto il mondo (SBGi in Iranda, Mijolnir in Islanda, Weidman-Longo a NY) ha deciso di portare questa “filosofia di allenamento” anche nella sua terra natale, La sua amata Verona.


Per poter offrire questo tipo di esperienza, la struttura è stata potenziata ed ampliata in modo da avere tutto quello che serve ad un atleta per la preparazione di un match. Sala pesi per la preparazione atletica, con anche una zona outdoor per consentire allenamenti a norma e distanziati anche durante “l’era del coronavirus”, su un altro piano la zona SDC attrezzata con materassine professionali Zebra, proprio come quelle che vediamo nei video delle palestre americane.
Non meno importante la collaborazione con uno studio di fisioterapia per la tutela degli atleti durante ii camp e con delle strutture per consentire l’alloggio degli atleti vicino alla palestra, con il progetto di creare degli alloggi direttamente nella struttura.


ESMA ha inoltre creato collaborazioni con importanti team Italiani per creare un grosso bacino di atleti pro e dilettanti ed un continuo scambio, per cercare di alzare insieme il ivello degli atleti.
Uno di questi team è Aurora, di Riccardo Carfagna e Lorenzo Borgomeo, che è anche Head coach di Penini ed altri atleti di base in Esma, e che sarà disponibile nella struttura due volte al mese.

Leonardo Damiani, Dimitri Angelini (BKFC), Gianluca Locicero, Pietro Penini, Lorenzo Borgomeo, Carlo Pedersoli JR, Daniel Wolak, Simone Tabaglio, Andrea Troiano, Cristian Brinzan, e Khadim Dia, e Giuliano Pavan in ESMA per una sessione di sparring

Underdog Combat Sports di Brescia fornisce lo striking coach Andrea Fontana che segue Penini e Leonardo Damiani e sarà disponibile per chiunque ne farà richiesta.
La collaborazione con Jiu Jitsu club Verona ha portato nella struttura
Luca Profeta e Francesco Gardini, cinture nere della scuola Anacoreta.
Questa filosofia Open fa si che si possano trovare spesso atleti professionisti di vari team con cui allenarsi.
Motivo di orgoglio struttura è di avere solamente coach professionisti che fanno del loro sport il loro lavoro.
nel particolare, Leonardo Damiani si occupa delle MMA, Dimitri Angelini kickboxing, Profeta e Gardini del jiu jitsu, e l’ultimo innesto nel team, il sassarese Gabriele Doro che si occuperà della lotta, disciplina in cui è stato 4 volte campione italiano ed ha partecipato a due mondiali.


La politica di Esma è quellla di essere una palestra Aperta. chiunque è benvenuto per allenarsi, resident o esterni, chiunque può chiedere di far un training camp, indipendentemente dal team di appartenenenza, cercando di dare una svolta alla tipica logica italiana di faide, campanilismi e team amici e nemici.
Per rimarcare questo infatti in ESMA non c’è un Head Coach (quindi ognuno può mandare i propri atleti senza aver paura che glieli “rubinò”)
Riuscirà East Side Martial Arts a creare un modello di allenamento simile a quello americano?