Bellator Milano 3: i match di Pedersoli e Botti

il

Annullato l’incontro di Alessio Sakara a causa dell’infortunio che ha costretto il Legionario ad operarsi, a rappresentare l’Italia nell’ultimo evento organizzato da Bellator all’Allianz Cloud di Milano sono rimasti solamente Carlo “Semento” Pedersoli Jr e Alessandro “Bad” Botti. Dopo la mezza disfatta del 26 settembre e la serata da dimenticare di giovedì scorso, questa volta il risultato non è diverso. Passiamo dunque ad osservare separatamente i match dei due italiani.

Il primo ad entrare nella gabbia statunitense è stato il lecchese Botti (15-12 MMA, 0-3 Bellator). Peso leggero dall’esperienza decennale, Alessandro veniva da tre sconfitte consecutive, di cui le ultime due in Bellator. Il nostro connazionale ha affrontato questa volta l’inglese Kane Mousah (13-3 MMA, 2-1 Bellator) anche lui affamato di vittoria e anche lui al terzo incontro nella promotion. Nella prima ripresa Alessandro viene prima mandato knockdown e poi portato a terra, ma resiste e i mantiene attivo dalla guardia. Il secondo round si svolge in maniera simile. La terza ripresa viene certamente vinta dal nostro connazionale, questo però non basta ad evitare la sconfitta, che arriva sotto forma di split decision. Verdetto che ci può stare, ma che brucia comunque.

Nel settimo incontro della serata, è toccato combattere al romano Carlo Pedersoli Jr (11-4 MMA), al debutto in Bellator dopo il taglio (ingrato) da parte di UFC. Carlo è arrivato a Milano con due sconfitte consecutive, entrambe per (T)KO, quindi per lui era veramente l’occasione per voltare pagina. La redenzione non era scontata, visto che di fronte si è trovato l’esperto spagnolo Acoidan Duque (16-2 MMA) anche lui debuttante nella promotion. L’incontro è stato avvincente e molto combattuto, con Carlo che ha mostrato un grandissimo cuore, subendo diversi knockdown ma continuando comunque ad attaccare l’avversario. Verso la fine Duque ha dovuto rallentare, tuttavia anche Carlo era davvero stanco e perciò non è riuscito a spingere. Anche qui rimane l’amaro in bocca, ma anche questa volta ci sta il verdetto dei giudici, che decreta la sconfitta di Carlo per decisione unanime.

Per gli italiani, la serata conclusiva di questa settimana e mezzo di Bellator a Milano, non è stata diversa dagli altri due eventi della trilogia. Dopo questo triste epilogo, ai fan del movimento italiano non resta altro da fare se non guardare al futuro e sperare in meglio.